Ecco tutte le nuove sfide (del governo) per gli italiani all’estero

di Leone Protomastro

Ripartire dalle esigenze degli italiani all’estero: non è uno slogan buono per un 6 per 3 ma la direttrice di marcia che il prossimo esecutivo (qualunque esso sia) dovrà imboccare per una mera questione legata agli interessi nazionali. Altrove si potenziano le rappresentanze consolari all’estero, mentre come è noto Roma da tempo ha deciso per un ridimensionamento che ha dell’assurdo.

Va bene tagliare gli sprechi, ottimizzare risorse ed energie ma dimezzare la presenza italina nel mondo è solo un autogoal. Per fare un esempio, il presidente turco Erdogan in occasione del suo ultimo tour in Africa che lo ha portato a toccare cinque paesi in una settimana ha promesso di aumentare del 30% la presenza diplomatica in quel continent così ricco di materie prime e nuovi business. E ancora, occorre favorire una nuova stagione di industrializzazione italiana che abbia nella rete delle nostre imprese all’estero un punto focale.

Il ruolo dell’Ice va potenziato, investendo risorse vere perché produce un ritorno economico serio, mentre non ha senso pagare cittadini per farli poltrire a casa. E’l’assenza di una politica industriale che si sta riverberando anche sulla macchina degli italiani all’estero. Parimenti il ruolo delle Camere di Commercio italiane nel mondo va sostenuto e rafforzato da ministri competenti e dotati di una visione, non scelti col manuela Cencelli.

La capacità di offrire risposte concrete a questo ventaglio di istanze potrà determibare senza dubbio una direzione e una progettualità che guardi al prossimo decennio, in assenza della quale l’Italia continuerà ancora a faticare tremendamente per conquistarsi il proprio spicchio di pil. A ciò va aggiunto un passaggio delicatissimo che riguarda il rapporto tra Roma e Bruxelles: quello della difesa comune europea.

Il pericolo Isis è in agguato come dimostrano gli arresti di Foggia e Torino, dove la follia radicalizzata si è abbattuta anche su bambini da indottrinare.

twitter@PrimadiTuttoIta

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s