Max Gasparini e il tema del corpo: ecco Lunaria (a cura di Chiara Gatti)

La Galleria VS Arte Contemporanea di Milano inaugura la nuova stagione delle mostre con una personale di Max Gasparini, artista di origine bresciana, noto per la sua ricerca dedicata al genere del ritratto virato verso esiti di grande lirismo e, insieme, astrazione.

Curata da Chiara Gatti, presenta una ventina di opere, di cui molte inedite e recenti, frutto di un lavoro di riflessione inesausto sul tema eterno del corpo quale specchio della psiche, della personalità e dell’inconscio.

Un viaggio dentro le pieghe dell’anima affonda oltre la pelle di figure quasi immateriali, tratteggiate da una pittura sperimentale, fatta di materie povere, naturali, ready made mescolati a tecniche antiche, tempere all’uovo e processi spontanei di ossidazione dei supporti. Una prassi che richiede sapienza ed esperienza, maturate da Gasparini negli anni della sua formazione nel mondo del restauro. L’analisi del reale, lo sguardo autentico verso le sfumature del quotidiano incontra dunque una preparazione tecnica matura, uno studio dei metodi del passato riletti alla luce di un linguaggio contemporaneo. La citazione dei classici – da Dürer a Leonardo – nutrono l’immaginario dell’autore che astrae gesti minimi ed espressioni velate dei volti in una dimensione più spirituale e allegorica, nella sospensione assoluta del tempo, in un’atmosfera rarefatta dove ogni figura diviene simbolo di un poema.

Dal Cantico dei Cantici alle Metamorfosi, affiorano protagonisti di versi conosciuti, visi iconici di passi letterari, accanto a riferimenti più ermetici, allusioni che scorrono in sottotraccia e toccano i nodi della coscienza, affondando in drammi condivisi; il silenzio, la solitudine, l’attesa, la separazione, la dimenticanza. Fra i lavori esposti, spiccano esemplari di grandi dimensioni e tecniche rare, lo stucco su iuta con effetti argentati e lumeggiature, l’olio su catrame e lamiera, innesti in oro e pigmenti puri. Biografia Max Gasparini nasce a Rovato (Brescia) nel 1970. Compie studi artistici per poi dedicarsi al restauro. Autodidatta, si dedica a una pittura di soggetto intimista, con tecnica a tempera all’uovo e a olio. Utilizzando oggetti in uso quotidiano li fa diventare attori di una narrazione fine a se stessa, personale. Documenta, in piccole tavole, paesaggi silenti, ruderi, portoni, appunti di viaggi testimoni di un passaggio umano non più tangibile.

Cominciano così ad apparire elementi che diverranno protagonisti fondamentali nelle sue opere, quali la ruggine e vari fattori di consunzione. VS Arte S.r.l. – Sede Legale: Via Suor Maria Pelletier, 4 – 20900 Monza (MB) P.I. 09749240967 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano REA MB – 1910637 http://www.vsarte.it info@vsarte.it legalmail@pec.vsarte.it

L’inizio dell’attività espositiva nel 2008 coincide con la scoperta e l’utilizzo di materiali impuri e l’abbandono del dipingere al cavalletto: sacchi di iuta, vecchie lamiere con ruggini e ossidazioni naturali, teli, lastre di catrame e cartoni.

Questi materiali offrono all’artista nuove visioni entro le quali muoversi, in un’indagine psicometrica. Il dare dignità a una materia esausta (ispirato dall’amore profondo dell’artista per i lavori di Burri e Rauschenberg) è integrata ora con un classico dipingere a olio sulla lamiera, a spatola con stucco e acrilico su iuta e vecchi teli di lino e cotone. Appaiono i primi volti iconici, ossessivamente ripetuti, i corpi femminili depositari di ermetici rimandi alchemico- mitologici; il tutto utilizzando solo il bianco e il nero, l’essenziale, ora come fosse una scultura, ora un disegno o una xilografia… ma non la realtà. Nel 2011 espone una serie di lavori battezzata Al Nero su vecchi teli col procedimento d’immersione nel colore “nero vite di Germania”, ottenendo così macchie alla Rorschach, sulle quali inserire le sue epifanie.

Arriva la prima importante collaborazione all’estero con un circuito di gallerie olandesi e inizia la partecipazione alle rassegne fieristiche internazionali, tutt’ora in corso, con una galleria italiana. Gasparini concretizza le sue scelte stilistiche approfondendo il tema del volto femminile nelle opere su iuta e la ricerca alchemica-mitologica nelle opere su lamiera. Dal 2016 avvia una fondamentale collaborazione con l’artista Marco Travali, con codici espressivi nell’audiovisivo e la fotografia, che lo porta nel mondo dell’installazione col progetto Opscurus e nel 2017 con la performance in diretta streaming Dissolve dedicata al tema della “melanconia”, caro ad uno degli artisti prediletti di Gasparini, Albrecht Dürer.

twitter@PrimaDiTuttoIta

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s