Il dipinto “Noi, Vittorio Sgarbi” vince il Premio Eccellenti Pittori Brazzale

noi-vittorio-sgarbi-olio-su-tela-rocco-normanno-lr“Noi, Vittorio Sgarbi” è il miglior quadro del 2016. È il verdetto della giuria del Premio Eccellenti Pittori – Brazzale, giunta quest’anno alla sua terza edizione, e che ha visto prevalere l’opera del pittore pugliese Rocco Normanno, classe 1974.

Normanno, che vive e opera da anni in Toscana, a Massa e Cozzile (Pistoia), è considerato dalla critica più attenta l’ultimo dei caravaggeschi. Non a caso fortemente -e ironicamente- ispirata a Caravaggio è la rappresentazione della luce nel suo dipinto (olio su tavola, 65×65). Una luce che illumina il volto del protagonista e che non arriva, come accadeva nel Seicento, dalla fiamma di una candela, ma dallo schermo acceso di uno smartphone.

Non facile la scelta dei giurati, considerata la quantità di opere di valore selezionate per il giudizio finale. Al secondo e terzo posto si sono piazzati rispettivamente il dipinto di Enrico Robusti “Ritratto di D.”, e quello di Francesco De Prezzo “Null Drapp”.

I giurati del Premio Eccellenti Pittori – Brazzale hanno giudicato il dipinto di Normanno il miglior quadro italiano del 2016. “E’ stata particolarmente apprezzata, spiega l’ideatore del Premio Camillo Langone, la drammatizzazione del trapasso dalla carta al digitale, punto dolente per ogni addetto al sapere, dal grande critico d’arte all’ultimo praticante in redazione, un tema attualissimo eppure svolto con luce caravaggesca e classico pennello”.

Nel dipinto un Vittorio Sgarbi colto quasi di spalle osserva appeso alla parete un grande quadro che ritrae se stesso. Un se stesso però bloccato nell’atto di guardare uno smartphone sullo schermo del quale, a sua volta, si intravede lo stesso quadro che noi stiamo osservando.

Sgarbi si trova in un museo ed era proprio quello che volevo, spiega Normanno, ritrarlo davanti alle tele, mentre allestisce una mostra. Il ritratto raffigura proprio lui mentre ammira un Rembrandt, ma al posto del Rembrandt ho inserito Vittorio immortalato in un gesto quotidiano, mentre interagisce con il suo smartphone. Vittorio che guarda Vittorio, insomma. Che simboleggia, scherzosamente parlando, l’amore infinito che ha per se’. È un Vittorio che rappresenta i nostri piccoli difetti, quando passiamo ore chiusi in noi stessi a dialogare con il cellulare. E’ Vittorio Sgarbi a essere ritratto, ma siamo anche noi, assorti in un rito che ormai appartiene a tutti“.

Un’opera decisamente virtuosistica che mette in scena l’atto del guardare e la dialettica (o la contrapposizione) tra la matericità del dipinto e la sua copia digitale. Nel quadro Sgarbi è spettatore e soggetto al tempo stesso, un soggetto che però è a sua volta spettatore di un’immagine digitale, che, paradossalmente, è la stessa che ammiriamo noi spettatori, da fuori.

Fra i grandi premi italiani d’arte, Eccellenti Pittori-Brazzale è l’unico dedicato esclusivamente alla pittura. Il solo la cui giuria non sia formata da addetti ai lavori, bensì da illustri amanti del bello. L’unico concentrato sulla necessità di dare visibilità all’eccellente pittura italiana degli ultimi 12 mesi. Senza discriminazioni di età, stile, curriculum, senza esigere quote di iscrizione o disponibilità delle opere, e tutto ciò per avere un panorama più completo della migliore produzione pittorica odierna.

Ideato da Camillo Langone, curatore del sito e del progetto Eccellenti Pittori, con il sostegno del Gruppo caseario BrazzaleEccellenti Pittori – Brazzale è un vero “diario della pittura italiana vivente”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s