Protezione e innovazione: NatiPer, il concorso di Axa Italia da 50mila €

Patrick Cohen_CEO AXA ItaliaDopo il successo delle prime tre edizioni, #NatiPer, il concorso promosso da AXA Italia – leader nel mercato della protezione e primo brand assicurativo al mondo – torna a dare voce ai progetti di protezione, pensati per migliorare la vita delle persone. 

#NatiPer chiama a raccolta singoli cittadini, imprese, start up, associazioni e fondazioni, operanti nel nostro Paese, a candidare e condividere (anche con il social sharing) proposte concrete che, attraverso la protezione e l’innovazione, mettono al centro le persone nell’ottica di migliorarne la qualità della vita, generando nuove opportunità per il futuro.

Prosegue dunque il percorso di co-creazione di contenuti con gli utenti di #NatiPer che, anno dopo anno, ha dato vita ad un hub di riferimento per i temi della protezione e dell’innovazione. Una piattaforma in cui si integrano il concorso con i suoi progetti e l’omonimo blog dedicato alla società di oggi che ha a cuore il futuro con approfondimenti e news tematiche. Due anime attraverso le quali AXA Italia pone l’accento sulla sua vocazione a innovare per diventare sempre più partner delle persone e aiutarle a vivere una vita migliore.

Proprio per esserci dove conta davvero, vicino alle persone, AXA Italia mette in palio un premio del valore di 50.000 euro per il progetto vincitore, a scelta tra tre opzioni: la formazione, con la possibilità di seguire corsi o accedere a borse di studio, la fornitura di strumenti e attrezzature oppure l’opportunità di suddividere il valore totale del premio tra le due opzioni precedenti e dunque 25.000 euro dedicati alla formazione e 25.000 euro all’acquisto di strumenti. Il tutto finalizzato allo sviluppo e al supporto fattivo del progetto vincitore.

“Innovare e farlo insieme alle persone per proteggere ciò che conta: questo è l’obiettivo di #NatiPer 2017”, ha dichiarato Patrick Cohen, CEO di AXA Italia. “Con questo progetto rilanciamo il nostro impegno per co-creare soluzioni e dare forza a idee in grado di migliorare la società in modo concreto. Anche questo è un modo di passare da payer a partner e per farlo contiamo sulle idee e i progetti di privati, giovani, associazioni, startup e nuovi attori della società per consentire alle persone di vivere meglio”.

Otto settimane per candidarsi e cercare di aggiudicarsi il premio finale. Da oggi fino al 25 maggio è infatti possibile caricare il proprio progetto su natiper.it. Quattro le categorie individuate:

  • Salute e Benessere: accoglie progetti che pongono al centro le persone e la comunità e che sostengono – anche attraverso l’innovazione e la tecnologia – il miglioramento della qualità della vita in ogni suo aspetto: dalla prevenzione alla salute, passando per l’alimentazione e il benessere, in una visione positiva e di slancio verso il futuro.
  • Ambiente: si riferisce ai progetti che pensano al miglioramento e alla difesa del territorio, delle risorse ambientali e agroalimentari. Soluzioni innovative che parlano anche di sostenibilità e tecnologie green.
  • Cultura e Educazione: cultura come valorizzazione, tutela, protezione e fruizione allargata del patrimonio artistico-culturale del nostro Paese. A questa categoria appartengono anche tutti i progetti che propongono modelli educativi innovativi per le nuove generazioni al fine di migliorare l’individuo e la società.
  • Professioni e Futuro: include i progetti focalizzati su modelli occupazionali e professionali innovativi e migliorativi rispetto all’esistente, ma anche proposte capaci di valorizzare nuove competenze con una visione condivisa per un futuro più solido e sicuro.

LE ALTRE FASI DEL CONCORSO

Dopo la fase di raccolta dei progetti, tra tutte le proposte pervenute, una giuria di esperti ne selezionerà 8 che – grazie ad una troupe di esperti video-makers – diventeranno video-storie: un’opportunità per i finalisti di raccontarsi e dare visibilità al proprio progetto. Entro il 4 settembre le video-storie saranno caricate su natiper.it e, contestualmente, si darà il via alla votazione online, una fase in cui tutto il pubblico potrà – fino all’8 ottobre e votando una volta al giorno – sostenere il progetto che ritiene più significativo. Il voto degli utenti sommato a quello della giuria tecnica decreterà, entro il 19 ottobre, il vincitore finale di #NatiPer.

I NUMERI DELLE PRECEDENTI EDIZIONI

  • + 1000 progetti candidati in 3 anni
  • 3 vincitori finali (3 premi del valore complessivo pari a 150.000 euro)
  • + 210.000 voti arrivati dagli utenti
  • + 700 articoli on/offline
  • Migliaia di condivisioni sui social network

L’ALBO D’ORO DEL CONCORSO

2016: 

MIVOQ

La start up MIVOQ (Mimic Voice Quest) nasce a Padova nel 2013 con un mission ambiziosa e appassionante: vivere in un mondo dove tutti possano mantenere la propria identità vocale, soprattutto in caso di patologie invalidanti.  MIVOQ vuol dar voce a chi rischia di perderla, come i malati di SLA. Un’idea innovativa che pone le basi per lo sviluppo dell’evoluzione delle tecnologie vocali e la loro applicazione fattiva in ambiti diversi della vita delle persone. Un sogno che con il premio di #NatiPer (periodo di incubazione e Investor Tour europeo) ha ottenuto il sostegno per crescere e svilupparsi.

2015: 

I RAGAZZI DI SCAMPIA

Con il premio di Nati per Proteggere, la missione del Centro Hurtado riassunta nell’incisiva frase “creare bellezza” coniata dal suo fondatore Padre Fabrizio Valletti, ha trovato nuova linfa. Tutte le anime del Centro hanno beneficiato del premio. Sono infatti stati acquistati macchinari più efficienti e moderni per il laboratorio di cartotecnica, attrezzature professionali per la sartoria e la pasticceria, materiale didattico per la biblioteca, computer per la sala informatica e nuove apparecchiature per il laboratorio di cinema e fotografia e per la sala conferenze. Tutto questo per sostenere il desiderio de “I Ragazzi di Scampia” di volare verso il miglioramento, creando nuove opportunità.

2015: 

CAMMINARE INSIEME

Con il premio di Nati per Proteggere, Together To Go Onlus (TOG) – centro di eccellenza che offre gratuitamente terapie riabilitative a bambini con lesioni neurologiche complesse – ha acquistato una stampante 3D, dando vita così al TOG Lab 3D per creare ausili super personalizzati, facilmente sostituibili, aggraziati esteticamente, capaci di facilitare le prestazioni motorie deficitarie dei bambini e di prevenire contratture e deformità invalidanti con l’obiettivo di proteggere il futuro di questi bimbi e dimostrare che ‘camminando insieme’ si possono fare grandi cose.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s