Qui Faros: niente tagli sulla lingua italiana

linguadi Fedra Maria

Impariamo dai greci? Non è una provocazione, ma una puntura di spillo per coloro i quali spesso e volentieri relegano la lingua nazionale a fatto secondario, travolti e ubriacati dalla globalizzazione selvaggia. Gli ellenici hanno appena messo on line una petizione per dedicare il prossimo 10 dicembre, giorno in cui il celebre poeta Seferis ha ricevuto il Nobel per la letteratura, alla lingua ed alla cultura greca. Ricevendolo disse: “Appartengo ad un piccolo paese. Un promontorio roccioso nel Mediterraneo, niente lo contraddistingue se non gli sforzi della sua gente, il mare e la luce del sole. E’ un piccolo paese, ma la sua tradizione è immensa. La lingua greca non ha mai cessato di essere parlata. E’ passata attraverso tutti quei cambiamenti attraverso cui passano le cose viventi, ma non c’è mai stata una frattura. Nelle tragedie classiche l’uomo che eccede la misura è punito dalle Erinni. E questa legge di giustizia ha valore anche nel regno naturale”.

Per il momento gli italiani sono attesi dalla Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, l’evento di promozione dell’italiano come grande lingua di cultura classica e contemporanea, che la Farnesina organizza ogni anno. Il tema prescelto è “Scrivere la nuova Europa: editoria italiana, autori e lettori nell’era digitale”. L’auspicio è che non subisca né tagli né spending review.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s