Polemicamente: la politica italiana e le non risposte

futurodi Francesco De Palo

Chiediamo sviluppo e in Alitalia scioperano, proprio mentre Fiumicino è invasa dai turisti. Invochiamo l’oro italiano alla voce cultura e i cancelli degli Scavi di Pompei sono sbarrati per un’assemblea indetta dai sindacati Fp Cisl, Filp e Unsa. Candidiamo Roma a sede per le Olimpiadi del 2024 e poi assistiamo passivamente allo sgretolamento della Giunta Comunale oltre a metropolitane che sfrecciano con le porte aperte (lasciamo correre alla voce pulizia delle strade). Giubiliamo l’Expo 2015 in corso a Milano e poi ci diamo la zappa sui piedi con l’aria condizionata rotta nei treni e perfino negli aerei. Vogliamo recitare da attori protagonisti nel Mediterraneo ma non sappiamo di preciso cosa fare in Libia e in Siria, dove nel frattempo la Turchia ha iniziato a bombardare l’Isis.

Delle due l’una. O il Belpaese recupera rapidamente efficienza e vigore, sfruttando con furbizia ciò che la cronaca ci consegna, oppure nessuno dovrà lamentarsi se qualche stato aderente ai Brics sta mettendo la freccia per doppiarci. A quel punto non servirà, come certi riti bizantini del recente passato ci hanno abituati, invocare la safety car e auspicare di ridurre il gap con chi guida la gara.

Dobbiamo metterci in testa che la politica deve tracciare rotte. E non accomodarsi in prima classe aspettando la consumazione.

twitter@PrimadituttoIta

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s