Dopo Pernigotti, addio a Pininfarina. Il governo molla il made in Italy?

pinindi Roberto Menia

Fuga di aziende: dopo ‪Pernigotti‬ finita ai turchi, ‪‎Pininfarina‬ va agli indiani di ‪Mahindra‬. Un altro pezzo di ‪‎made in Italy‬ che, in sostanza, saluta la penisola. La realtà indiana infatti ha deciso di investire 20 milioni di euro in aumento di capitale, ma l’Italia perde un altro simbolo in un’operazione complessiva da 50 milioni di euro di valore.

I tifosi di questi mesti cambi al comando sostengono che i numeri e la portata delle aziende italiane non consentono loro di confrontarsi, alla pari, con i mega gruppi stranieri. Dimenticano, però, che in questo modo si prosegue nella (s)vendita di pezzi significativi non solo della storia italiana ma anche della nostra industria.

Il governo assiste, senza idee e senza nemmeno tentare una difesa seppur di ufficio, a questa tendenza mostrando rassegnazione e scarsa capacità lungimirante. Non è questo il piglio per affrontare, senza soccombere, la globalizzazione selvaggia. Ma è senza dubbio questo il modo per certificare l’assenza di una politica industriale nazionale che sia tale.

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...