Quell’autoinondazione di inglesismi contro l’italiano

dillodi Claudio Antonelli

L’effetto inevitabile dell’immissione selvaggia nella nostra lingua di americanismi o inglesismi, fenomeno sviluppatissimo, è di snaturarla e di sgretolarla attraverso un trapianto contro natura che non solo ne distorce l’eufonia (il famigerato “suona bene”) ma indebolisce la coerenza e la chiarezza del discorso, che gli italiani tutti amano portare avanti.

Tale auto-inondazione lungi dall’essere prova di apertura di spirito – come tanti sostengono – e di adattabilità, di elasticità, di disponibilità verso ciò che di buono ci viene dal mitico estero e in particolare dagli Usa, è invece la triste cartina di tornasole dello straordinario sviluppo che ha conosciuto nella penisola il vizio antico dell’esterofilia. Lo scimmiottamento della parlata dello straniero, infatti, non è altro che servilismo linguistico, noncuranza del proprio passato, disprezzo verso il grande bene comune che è la lingua nazionale.

Difendere l’italiano dagli amplessi contro natura dell’inglese non è andare contro la storia, la modernità, il progresso, il celebrato multiculturalismo, ma è semplice rifiuto di farsi subordinare, trasformare, denaturare, emarginare.

Invece d’innestare nel corpo della lingua italiana spezzoni di frasi e termini stranieri in un ridicolo e nocivo processo di trapianto linguistico contro natura, gli italiani, sempre così pronti al copia e incolla, potrebbero cercare di imitare lo spirito anglosassone, portato più del nostro al rispetto delle regole, alla chiarezza della comunicazione e del linguaggio, e al rispetto del cittadino cui è diretta la comunicazione. In Italia persino il linguaggio dei vari contratti di utenza e delle stesse bollette è poco comprensibile per il comune dei mortali. Occorrerebbe semplificarlo espungendo i termini spesso assurdi di cui è costellato. Ma la funzione del burocratese è proprio quella di tenere a distanza il cittadino, il quale, poverino, è oggi vittima anche di un burocratese a stelle e strisce che di certo non migliora il suo welfare.

Possiamo dire che la nostra lingua, afflitta da un borderline personality disorder, rischia sul serio di andare in tilt per usare quest’altra balorda espressione presunta inglese. L’indebolimento e l’erosione dell’identità nazionale, o quanto meno dei canoni nobili dell’identità italiana, sono a uno stadio avanzato. Lo prova anche il farfugliante pseudo-inglese degli italiani con il loro italianese. E, tuttavia, non è appellandosi ai valori che sostanziano l’identità e l’unità dell’Italia che si riuscirà a dare un colpo di frusta alle coscienze in un paese in cui gli aspetti caricaturali, basati sull’opportunismo e su una teatralità di basso rango, hanno ormai preso il sopravvento sugli aspetti migliori del carattere dei suoi abitanti. È inutile cercar di far leva sul ridicolo che dovrebbero provare i parlanti di questa lingua a pelle di leopardo. Il carattere grottesco di questo pulcinellesco processo di copia e incolla sfugge, infatti, a coloro che possiedono in misura microscopica – quando lo possiedono – il sentimento della dignità nazionale: la maggioranza degli italiani.

Lo scimmiottamento degli americani risponde in pieno alla voglia che ha l’italiano medio di distinguersi facendo come tutti gli altri, ossia inchinandosi di fronte al feticcio del marchio di prestigio, alias brand, che in questo caso è la lingua estera.

parlo-italianoIo non propongo che si espungano dal dizionario italiano i termini inglesi e tanti altri di origine straniera radicativisi da tempo, né intendo indire una crociata in favore di una purezza linguistica che non è mai esistita. Vorrei solo che ci si interrogasse sulle conseguenze che l’auto-inondazione di termini stranieri finirà con l’avere sulla lingua italiana, strumento non puramente utilitario e neutro, ma simbolo e cardine della nostra identità, e voce forte della nostra cultura.

È da considerare poi che, nella maggioranza dei casi, la paroletta modaiola inglese espropria un termine nostrano perfettamente valido che finisce in naftalina: vedi flop al posto di fiasco, pressing invece di pressione, badge in luogo di cartellino o tessera, killer invece di assassino o uccisore. Essendo poi estranea al sistema eufonico italiano, la parola importata viene pronunciata, per soprammercato, in maniera maccheronica dai nostri italiani, i quali pur si dichiarano ossessionati dal suona bene.

Concludo con queste citazioni provanti l’alta considerazione che la lingua nazionale, la lingua madre, dovrebbe godere presso i suoi figli:

Johann Gottfried Herder:
“La ragione stessa è e si chiama linguaggio.”

Wilhelm von Humboldt: “La lingua è la manifestazione fenomenica dello spirito dei popoli: la loro lingua è il loro spirito e il loro spirito è la loro lingua.” E ancora: “L’uomo vede le cose sostanzialmente, anzi direi esclusivamente, nel modo in cui la lingua gliene propone.”

Alexis de Tocqueville: “Il legame del linguaggio è forse il più forte e duraturo che possa unire gli uomini.”

Francesco Alberoni: “Quando una nazione perde il contatto col suo passato, con le sue radici, quando perde l’orgoglio della sua storia, della sua cultura e della sua lingua, decade rapidamente, smette di pensare, di creare e svanisce.”

Ed infine Dante: “…molti per questa viltà dispregiano lo proprio volgare, e l’altrui pregiano…”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s