Ma i Black Lives Matter sono quelli che abbattono le statue di Colombo: perché inginocchiarsi?

di Roberto Menia

Circa un anno fa, nel giugno del 2020, una statua di Cristoforo Colombo a Richmond, in Virginia, è stata demolita e gettata in un lago durante una manifestazione di protesta dei Black Lives Matter per la morte di George Floyd. Cosa abbia a che fare la storia e il rispetto del passato con la lotta al razzismo è un mistero di non facile comprensione, anzi. 

Chi sono i Black Lives Matter? E quale il legame tra singole lotte e statue? Persino una statua di Winston Churchill ha fatto le spese di questa furia iconoclasta tanto cara alla italica ed europea sinistra cieca, che non riesce a vedere oltre il proprio steccato ideologico.

Proprio per questa ragione e per le azioni dei BLM sarebbe indecente che i nostri azzurri si inginocchino in omaggio a chi distrugge la nostra storia, i nostri monumenti, il nostro retaggio di civiltà e bellezza.

Inoltre un comizio dei Black Lives Matter recita che l’impero del male sono gli Usa, parole tra l’altro ripetute come un mantra in occasione di un recente incontro diplomatico dalla delegazione cinese, campionissimi quanto a diritti mancati e condotte sleali.

Chi approva la condotta iconoclasta dei BLM è un pericolo, perché parimenti potrebbe avallare domani una crociata contro il Futurismo o contro l’Impressionismo, per motivi che nulla hanno a che vedere con l’arte e la pittura.

E’questa commistione scialba e rozza che fa male a popoli, a società e alle nuove comunità a cui qualcuno pretende di insegnare un’altra storia.

@PrimadiTuttoIta

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s