Di nuovo con la valigia in mano. Prima di tutto Italiani al simposio di Venezia

emigrazione-giovaniSiamo in presenza di una nuova forma di migrazione 2.0? A cento anni dai primi viaggi italiani verso nuovi continenti, si assiste nel biennio post crisi ellenica a nuove scelte di vita lontano dalla propria Patria? Dei diversi trend sociali ed economici, oltre che delle elezioni dei Comites e del ruolo gli italiani all’estero, il magazine Prima di tutto Italiani discuterà domenica 30 novembre a Chioggia in occasione della Scuola di Politica promossa dal Centro Studi Europa di Venezia. Una tre-giorni di incontri e dibattiti patrocinata da MIT, dal CTIM, dall’associazione universitaria rumena OSE (Organizatia Studentilor Economist – organizzazione studenti di economia di Cluj).

Il Segretario Generale del Ctim, Roberto Menia, interverrà il giorno 30 assieme al sociologo e docente all’università di Genova, Arnaldo Ferrari Nasi e a Francesco De Palo, direttore di Prima di tutto italiani, per fare luce sui flussi migratori degli italiani da e verso l’estero. “Si tratta di una utilissima occasione per analizzare, nel merito, cause ed effetti di questo preoccupante trend – osserva Menia – significa che le infrastrutture socio-economiche che dal dopoguerra ad oggi il nostro Stato ha implementato non hanno prodotto poi i frutti sperati, se ancora oggi dobbiamo registrare una nuova ondata di emigrazione. Il dato che deve imporre un serio esame di coscienza riguarda il fatto che, ancora una volta, qui in Italia formiamo cervelli e professioni che in seguito vanno ad arricchire altre Nazioni, mentre dovremmo puntare a stoppare questa mortificante deriva”.

Anziché usare toni trionfalistici “per ritorni sui mercati – come il caso greco – o per qualche titolo dedicato dalle agenzie di rating, l’Europa farebbe bene e a preoccuparsi seriamente di ciò che sta accadendo ai suoi giovani, soprattutto a quelli italiani” sottolinea Francesco De Palo – Non solo i numeri della disoccupazione inquietano, ma anche quelli delle aziende che chiudono perché strozzate da una pressione fiscale alle stelle e da una iper burocrazia che zavorra ulteriormente un sistema, quello italiano, già di per sè precario”. L’auspicio, aggiunge il direttore di Prima di tutto Italiani, è che “ad esempio, le mille start up di cui tanto di parla non siano utilizzate come megafono per interventi una tantum, ma vengano accompagnate in un percorso realmente utile che le faccia raffrontare con il mercato, solo in questo modo si potrà iniziare a ricostruire un ventaglio di opportunità per le nuove leve bianche rosse e verdi”.

La Scuola di Politica si terrà all’Hotel Park, sul Lungomare Adriatico di Sottomarina e sarà aperta venerdì 28 da una cena simposale, alla presenza tra gli altri anche di Elisa Petroni, già candidata alle elezioni europee con Scelta europea. La mattina di sabato 29 novembre è previsto il saluto delle associazioni che hanno contribuito ad organizzare l’evento e, a seguire, il dibattito tra il Pro decan della facoltà di economia dell’università Babels Boyai di Cluj e la Prof.ssa di storia dell’integrazione europea Elena Calandri (dell’ex facoltà di scienze politiche dell’università di Padova). Il dibattito si svolgerà sul ruolo delle università nel processo di europeizzazione delle città.

Nel pomeriggio interverrà il docente di diritto pubblico Sergio Gerotto dell’ex facoltà di scienze politiche dell’Università di Padova che spiegherà la nuova legge sulle città metropolitane. A seguire Enzo Raisi sulle città metropolitane per le attività produttive e l’ing.Carlo Ghiraldelli docente dell’Università di Padova discuterà della PATREVE.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s