Polemicamente: Il mosto balcanico resti esattamente lì

 vendemmia3Di Francesco De Palo

Ma come, 12 mesi fa abbiamo celebrato il vino italiano che ha superato quello francese per bottiglie vendute con la freccia messa sulla corsia di sorpasso anche sullo Champagne poi la nostra classe dirigente si dà la zappa sui piedi con la proposta di importare mosto dall’est europeo?

Chiariamoci: non è questa la sede per alzare barriere protezionistiche, vetuste e anacronistiche, ma è da stolti così come fatto sull’olio non lavorare, invece, per una valorizzazione completa e totale del mosto italiano e quindi del nostro prodotto finito. In Italia sembra quasi che sia peccato mortale tifare per le nostre produzioni e i nostri produttori. Questo non significa che non si debba apprezzare l’altro e gli altri.

vendemmia2Ma continuare con questa direttrice altamente poco qualificante per i nostri marchi finirà per farci perdere l’unica fonte di vera sopravvivenza, assieme al turismo. Non è più sufficiente avere il prodotto numero uno al mondo per gusto e per proprietà organolettiche (ricordiamo che l’olio pugliese è al primo posto nel mondo per doti polifenoliche).

A questo punto serve formare la classe dirigente che deve poi legiferare in quei settori che, invece, andrebbero coccolati, sostenuti, promossi e stimolati a fare meglio. Non affossati da boutade, come il mosto balcanico o l’olio tunisino.

twitter@PrimadiTuttoIta

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s