Covid, Ctim: “Campagna per il consumo di made in italy nel mondo. Turismo è nostra coccarda da appuntare al petto”

Campagna per il consumo di prodotti made in Italy, situazione dei connazionali ancora bloccati all’estero, iniziative benefiche e di solidarietà da avviare nei focolai più colpiti, calendario dei lavori del Cgie.

Si è tenuto in web conferenza il Consiglio Direttivo del CTIM (Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo), allargato al Presidente del Comites New York, tarato sull’emergenza pandemia e con l’obiettivo di mettere a punto un trittico di strategie per l’immediato.

Il Ctim si sta adoperando per offrire il proprio contributo al rimpatrio dei connazionali, come i 50mila giovani italiani che lavoravano a New York in bar, ristoranti e pizzerie e che al momento versano in gravi difficoltà economiche. Purtroppo da NY parte un solo volo al giorno per l’Italia con circa 90 posti disponibili su 200 totali, per via delle distanze di sicurezza. In questa direzione negli Usa il Ctim sta lavorando anche a sostegno della petizione online della giornalista del Tg1, Patrizia Angelini, al fine di supportare questo disagio. Per questa ragione negli Usa dovrebbe essere aperto un conto corrente ad hoc per raccogliere fondi da destinare all’emergenza, anche diretti alle esigenze dei nosocomi italiani.

Il Consiglio Direttivo ha anche ricordato il poliziotto Marco Di Franco, italiano di origine, da 21 anni in servizio al Chicago Police Department che ha perso la vita dopo aver contratto il Covid19 e ha strutturato una campagna tra i connazionali e le comunità di italiani nel mondo rivolta al consumo dei prodotti italiani.

“Ci aspetta, non solo in Italia, una Fase 2 densa di impegni e di attenzioni da raddoppiare – recita una nota del Direttivo – penso all’eventualità, che potrebbe diventare contingenza oggettiva, che gli italiani trascorrano le vacanze nel Belpaese così da sostenere il turismo nostrano in un momento di emergenza: un gettito, quantificato secondo i ricercatori di Demoskopica in 278 milioni di presenze, che potrebbe spingere non poco l’Italia, dal momento che il turismo è la nostra coccarda da appuntare al petto con orgoglio e determinazione. A questo proposito il CTIM ha rivolto un appello agli italiani nel mondo, anche per sostenere materialmente l’acquisto ed il consumo di prodotti made in Italy nei cinque continenti. Un impulso immediato e pragmatico alla filiera tricolore più che mai bisognosa di stimoli e misure straordinarie”.

twitter@ctim_italia

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s