Tag Archives: destra

Sul nuovo numero: pensiamo (finalmente) in grande?

Pensiamo in grande? Così il nuovo numero di PrimadiTuttoItaliani, che dedica la sua prima pagina alla certezza che all’Italia non serve una visione da “secondo posto”. Tutt’altro. (Clicca qui per scaricarlo) C’è uno sgradevolissimo atteggiamento anti italiano in questa ultima fetta di anno, si legge nel fondino di apertura. Palazzo Chigi gioca a nascondere lo […]
Read More »

Ecco perché il sovranismo intelligente non è una parolaccia

di Roberto Menia L’Italia rischia di castrare il dibattito sul Mes (il Meccanismo Europeo di Stabilità) senza capire che l’euroscetticismo non c’entra nulla con uno strumento che condannerà l’Italia allo schema-Grecia: ecco perché il sovranismo intelligente non è una parolaccia, ma la fisiologica difesa dell’interesse nazionale. Berlino e Parigi, ad esempio, sotto la parvenza di […]
Read More »

Così la destra può rimborsare i truffati dal trasformismo

di Roberto Menia Al di là del merito programmatico tutto ancora da decifrare, c’è un elemento che preoccupa, più di tutti, nel nuovo governo nato dopo questa pazza crisi agostana: la facilità con cui il trasformismo ha preso il posto della dottrina politica. Una direzione di marcia fatta di cambi di passo calcolati, alleanze osteggiate […]
Read More »

I pericoli del Green new deal, tra moda del momento e gretismo

di Ferrante De Benedictis Quando si parla di ambiente, non si dovrebbe avere alcun dubbio da che parte stare, dalla parte della difesa della nostra casa comune. Ma sempre più spesso assistiamo a feroci dispute tra gli “ambientalisti” ed i governanti, tra i sostenitori di una teoria catastrofistica e coloro che denunciano un clima di […]
Read More »

Dopo l’Europa l’Italia: perché la destra può tornare grande

di Roberto Menia Abbiamo voluto attendere l’esito del voto europeo prima di uscire col nostro giornale. “Non cambierà nulla” dicevano alcuni, mentre altri promettevano grosse sorprese. Avevano ragione i secondi e per almeno quattro ragioni. L’Italia si è risvegliata “sovranista”, anche più di quanto si potesse immaginare: la somma dei voti della Lega e Fratelli […]
Read More »

Luci e ombre del governo: e se il jolly fosse un ritorno a destra?

Di Roberto Menia Non sappiamo quanto e come l’attuale governo gialloverde andrà avanti nel suo cammino. Se ha un merito indubbio è quello di aver posto uno stop agli sbarchi e all’invasione di migranti da ogni dove a casa nostra e di aver ripristinato le regole sul tema. Solidarietà sì, ma diritto anche a regolare […]
Read More »

Almirante e Romualdi 30 anni dopo, la lunga vita delle idee

di Aldo Di Lello Quando, trent’anni fa, Giorgio Almirante e Pino Romualdi lasciarono questa terra a distanza di un giorno l’uno dall’altro s’udì forte, accanto al pianto della comunità missina, il gracchiare di diversi corvi. «Con la morte dei due capi storici, se ne va anche il Msi», vaticinarono con sicumera gli opinionisti più accreditati […]
Read More »

Con Matteoli se ne va quella politica fatta di “pane e sezioni”

Di Francesco De Palo Quando la politica era una cosa seria e non preda di isterismi da social e foto idiote, si iniziava dalle sezioni. I manifesti, le buone letture, le idee, i maestri che insegnavano e i ragazzi che ascoltavano (non il contrario). Era l’Italia della contrapposizione, rude e rovinosa, aspra e combattente. Ma […]
Read More »

Quanta Europa c’è nelle destre di ieri e di oggi ? Ora decostruzione

Di Matteo Zanellato Oggi le destre in Italia hanno individuato nell’Unione Europea il nemico comune da battere. Le cause sono il trasferimento di sovranità verso Bruxelles e la mancata possibilità di perseguire gli interessi italiani, addirittura contrastati dai partner europei. Se apparentemente sembra una levata di scudi a difesa degli interessi italiani, in realtà siamo […]
Read More »

Vi racconto sogni e disillusioni della destra italiana vista da sud

di Francesco De Palo Un pezzetto di mezzogiorno, colorato di destra. Da cui affiora il racconto di “Nessuna croce manca” (Baldini&Castoldi editore, 320 pagine, 16 euro), firmato dalla penna di Angelo Mellone, tarantino, giornalista e scrittore, dirigente del pomeriggio di Rai Uno. Ma soprattutto raffinato intellettuale formatosi nella galassia figlia del Msi. Un romanzo avvincente […]
Read More »