Monthly Archives: March 2016

Polemicamente: è peccato promuovere il nostro extravergine?

di Francesco De Palo L’olio come il pesce, non ha nazionalità. Lo sostiene l’associazione tunisina Forza Tounes che ha denunciato “la campagna denigratoria” condotta, a detta del presidente Souhail Bayoudh, da alcuni media italiani contro l’olio d’oliva tunisino. Ci permettiamo di osservare che indicare la qualità di un prodotto non è voler denigrare un olio […]
Read More »

Puff, l’Unione non c’è più. Si vede solo un fantasma per l’Europa

di Antonio Triolo Di fronte al tema migranti l’UE continua a dimostrare tutti i suoi limiti. Divisa tra le spinte buoniste di chi spaccia un evento tragico per opportunità (con tesi francamente risibili che vanno dal “ci pagano le pensioni” al “noi non facciamo figli, meno male che li fanno loro” passando per lo storico […]
Read More »

Sul nuovo numero: il tributo che si deve al “leone” Tremaglia

“Il tributo che si deve”. E’questa l’apertura del nuovo numero di Prima di Tutto Italiani, dedicata alla proposta di intitolare una sala della Farnesina al Ministro per gli Italiani all’estero Mirko Tremaglia, a quattro anni dalla sua scomparsa.  (Scaricalo qui) Nel fondino di apertura si legge: I segni e i simboli sono importanti, basilari. Certo, […]
Read More »

Il fondo: Cgie, come cambiare le vecchie (e cattive) abitudini?

di Roberto Menia La convocazione del nuovo Consiglio generale degli Italiani all’Estero avvenuta nelle scorse settimane ha costituito comunque un fatto di rilievo per chi si occupa dell’emigrazione italiana. Per il Ctim, da una parte l’orgoglio di essere stato riconosciuto tra le associazioni maggiormente rappresentative pur in un organismo largamente ristretto nei numeri rispetto al passato, […]
Read More »

Vi racconto sogni e disillusioni della destra italiana vista da sud

di Francesco De Palo Un pezzetto di mezzogiorno, colorato di destra. Da cui affiora il racconto di “Nessuna croce manca” (Baldini&Castoldi editore, 320 pagine, 16 euro), firmato dalla penna di Angelo Mellone, tarantino, giornalista e scrittore, dirigente del pomeriggio di Rai Uno. Ma soprattutto raffinato intellettuale formatosi nella galassia figlia del Msi. Un romanzo avvincente […]
Read More »

Capace di “stupire il mondo”: Federico II e il dialetto siciliano

di Enzo Terzi Ci sono momenti particolari nel corso dell’anno in cui, per ritrovare un’impronta edificante, si è costretti a ripercorrere la storia, spesso tornando così indietro nel tempo da trovare poi l’ostacolo, inevitabile, di rendere arduo il paragone con i giorni nostri per le mutate condizioni antropologiche, sociali ed ambientali. Inutile (se lo si […]
Read More »

Il Jobs act e le donne? Come il gioco dell’oca, si ritorna…

di Valentina Cardinali Quando Matteo Renzi definisce “impressionanti” i risultati del Jobs act nel 2015, di certo non può avere in mente l’occupazione femminile. Nessuno degli aspetti che rendono critico il rapporto tra donne e lavoro in Italia vengono risolti dalla riforma Renzi-Poletti. I tassi di occupazione restano al palo, la disoccupazione femminile aumenta, la […]
Read More »

Sulla strada di Tremaglia: diritti e sfide degli italiani nel mondo

“Sulla strada di Tremaglia: Italiani nel Mondo, diritti e sfide per il futuro” è il titolo del seminario promosso dal Ctim per ricordare la memoria del ministro Mirko Tremaglia, fondatore del Ctim. Il dibattito si svolgerà mercoledì 23 marzo 2016 alle ore 17.30 nella Sala Istituto Santa Maria in Aquiro del Senato della Repubblica, in […]
Read More »

Chi ha vinto (Puglia e Sicilia) e perché al Concorso di Olio Capitale

Le Città dell’Olio di Puglia e Sicilia trionfano al prestigioso Concorso Olio Capitale 2016 con due aziende produttrici di extravergine: l’Azienda Agricola Le Tre Colonne di Giovinazzo in provincia di Bari e l’Oleificio Romano Vincenzo di Bronte in provincia di Catania che si aggiudicano rispettivamente il 1° posto nella categoria Fruttato Intenso e la menzione […]
Read More »

L’intervento: perché in Libia vanno difesi gli interessi nazionali

Di Alberto Ghiraldo La decisione su un intervento in Libia non dovrebbe essere condizionata né dalla paura di rappresaglie dell’Isis, né dalla pressioni derivanti dagli interessi dei nostri alleati, che già nel 2011 hanno condotto il paese nel baratro e tanto nociuto ai nostri interessi nazionali. Infatti, da un lato gli elogi e l’offerta del […]
Read More »