Tag Archives: primadituttoitaliani

Il fondo: responsabilità e colpevoli (presunti o tali)

Di Claudio Antonelli Il terremoto che ha colpito Amatrice, Accumoli, Arquata e Pescara del Tronto, oltre alle tante lacrime può generare un effetto psicologico perverso. Al pari delle altre calamità naturali che periodicamente colpiscono il nostro piccolo mondo, questo tragico evento mette a dura prova il nostro bisogno di trovare i colpevoli. Non è facile, […]
Read More »

Polemicamente: Il mosto balcanico resti esattamente lì

 Di Francesco De Palo Ma come, 12 mesi fa abbiamo celebrato il vino italiano che ha superato quello francese per bottiglie vendute con la freccia messa sulla corsia di sorpasso anche sullo Champagne poi la nostra classe dirigente si dà la zappa sui piedi con la proposta di importare mosto dall’est europeo? Chiariamoci: non è […]
Read More »

Coincidenze e fatalità: non è tutto “Doria” ciò che luccica

Di Enzo Terzi Il 26 luglio 1956 affondava al largo delle coste statunitensi l’Andrea Doria, transatlantico italiano. Affondava per quella mai ponderabile serie di coincidenze, errori umani e fatalità che da sempre hanno accompagnato le vicende marinare e che, pur nell’orrido delle tragedie che si sono consumate nei secoli, ne costituiscono il lato più subdolamente […]
Read More »

Sul nuovo numero: volare alto, come Italo Balbo

Volare alto. E’l’apertura scelta per il nuovo numero di Prima di Tutto Italiani (scaricalo qui) in cui la metafora della trasvolata oceanica di Italo Balbo è presa in prestito per stimolare l’Europa a farsi maggiorenne. Da 83 anni il termine “Balbo” è sinonimo di una ingente formazione di aeroplani e negli Usa è ancora utilizzato […]
Read More »

Il fondo: 10 agosto, una storia di cent’anni fa…

di Roberto Menia Cari lettori, voglio raccontarvi una storia di cent’anni fa. Al termine scoprirete anche a cosa si è ispirata la testata di questo giornale. Domenica 10 agosto 1916 moriva Nazario Sauro, da Capodistria, impiccato dagli austriaci nel carcere militare di Pola con l’accusa di alto tradimento.
 Tra i più autorevoli irredentisti istriani, emigrò a […]
Read More »

Sul nuovo numero: business Med, viva gli investimenti

Una grande conferenza per gli investimenti nel Mediterraneo con l’Italia capofila e preziosa regista dell’operazione. E’la proposta che questo mensile lancia sul nuovo numero (clicca qui per scaricarlo) per intercettare i sostanziali cambiamenti che si stanno verificando nel Mare Nostrum e a cui è dedicata l’apertura.  “Non solo l’esodo dei migranti che inquieta tutte le […]
Read More »

Sul nuovo numero: chi ha paura dell’italianità nel mondo?

Chi ha paura dell’italianità? Prima le polemiche sul Columbus Day, poi la vergogna della statua di Colombo deportata dalla piazza antistante la Casa Rosada di Buenos Aires, passando per le furbate sui prodotti del made in Italy. Chi ha paura nel mondo dell’italianità? Apre così il nuovo numero di Prima di Tutto Italiani, con riferimento […]
Read More »

Ecco le “primavere balcaniche”. Bucarest come GeziPark?

di Matteo Zanellato Bucarest – Passione politica e voglia di cambiamento hanno portato pochi giorni fa più di trenta mila persone in piazza Universitatii a Bucarest, la stessa piazza che diede vita alla rivoluzione nel 1989. Cos’è cambiato rispetto a prima? Stiamo forse assistendo alla fine del processo di transizione ad una democrazia compiuta dopo ventisei […]
Read More »

Sul nuovo numero: alghe? Ma mi faccia il piacere…

Alghe e scarafaggi? Noi preferiamo prosciutti e formaggi, legumi e pesce, orecchiette e trofie. Così il nuovo numero di Prima di Tutto Italiani (clicca qui per scaricarlo) entra a gamba tesa sulla decisione dell’agenzia della sicurezza alimentare che ha detto sì ad alghe e scarafaggi sulle tavole degli europei. Una decisione controversa che potrebbe avere […]
Read More »

Giù le mani dal nostro prosciutto: il nodo è l’abuso di…allarmismi

Di Francesco De Palo Possibile che ci sia tutta questa corsa al sensazionalismo? L’Oms ha detto solo che l’abuso di insaccati fa male. Mica che se mangiate un salamino umbro ogni tanto vi viene automaticamente una patologia. Il corto circuito della società 2.0 non è tanto in chi comunica, ma a questo punto in chi […]
Read More »